Lo sguardo: punto di incontro o disincontro?

ImmagineNell’amore ciò che conta è essere desiderati: un soggetto sente l’esigenza primaria di immaginare di essere ciò che manca all’altro. Traducendo Lacan: il desiderio cerca un significante in grado di significare il desiderio.

In particolare lo sguardo paterno è per un figlio l’incontro con l’importanza della distanza generazionale che si aspetta che il padre sia disposto a rappresentare. Infatti, tale capacità paterna ha una funzione tranquillizzante sia del senso di continuità soggettiva, in quanto rimanda all’avvicendarsi delle generazioni, sia in quanto rappresenta la possibilità di un argine rispetto al mondo pulsionale ed emotivo e anche una guida verso la vita.

Lo sguardo, dunque, è ciò che consente di restituire un significato, una soggettivazione alla propria esistenza nel mondo; una prima e fragile risposta al “chi sono?”

(Pace, 2012)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...